Vergano

martedì 31 marzo 2009

Paese mio che stai sulla collina




Per accompagnare questo post, non me ne vogliano i miei seguaci di blog, ho necessariamente scelto la canzone che sin dalle prime parole più si avvicina alle immagini che inserirò. Che sarà, nella versione di Josè Feliciano, è stato comunque un motivo che nella mia giovinezza passava tante volte nella testa ed affiorava sulle labbra per canticchiarlo e ci ha fatto conoscere ,nonostante quella più ricordata e tramandata dei Ricchi e Poveri con in organico ancora la bella Marina Occhiena, il cantautore cieco Portoricano.
Cliccate sopra la stupenda immagine aerea che riprende il mio paese per ammirarne la bellezza.Il castello. la vecchia chiesa e quella nuova costruita nel 1939, le scuole e l'asilo, sono il cuore dove la nostra comunità trovava il naturale luogo di incontro e intorno ai quali si vivevano intensi rapporti di relazioni sociali. Via Castello, Via Ruga, Via Pizzo le "contrade" principali ove risiedeva la maggior parte della popolazione, ma la parrocchia si allungava ancora a Nord sul dorso collinare con le vie Santa Marta e via Piovino, mentre scendendo a sud ci si dirigeva verso la valle del Sciscion dove sorgevano i cascinali di Motto Florio (comunque sotto la giurisdizione parrocchiale di Santo Stefano) Baraggioni (dove sono nato e sono cresciuto io) e Canuggioni.
Per capire dove avesse il suo corso il torrente del Sciscion, osservate bene la foto e vi troverete una evidente macchia verde,in alto a destra. Quelli erano i prati che ne fiancheggiavano il percorso ,nascosto dalle piante che rigogliose nascevano sulle sue rive. Dietro il campanile e la cupola della nuova chiesa,si ammira la zona ,ormai quasi selvaggia ora, dove un tempo i nostri paesani coltivavano la vigna. Tutto quel pianoro che ora si osserva invaso dalla vegetazione e dai boschi, era un'incredibile estensione viticola dove ogni famiglia aveva ,chi più chi meno in base all'attività che comunque svolgeva, un appezzamento di terreno dal quale ricavava per lo meno il raccolto per un intero anno di vino da "pasto". Sotto la chiesa, verso ovest,a dividere la zona del pianoro della Cumiona che si estende ora verso la recente istituzione del Parco del Fenera, scorre il mio beneamato torrente che dirigendosi a sud lambirà la mia casa paterna e continuerà nella valle che verso Fugnano si allargherà per andare ad incontrare un altro Sciscion, quello di Maggiora, nei pressi della Colonia Solare di Borgomanero degli anni sessanta, la cui costruzione ormai sta crollando dopo la dipartita degli ultimi custodi e l'incuria subentrata da parte del comune.


Due stupende immagini del mio paese che "sta sulla collina disteso come un vecchio addormentato". La prima credo che risalga ai primi anni del 1900 e si può vedere che ancora la nuova Chiesa non esisteva e dà l'impressione di essere un luogo quasi isolato. Infatti in quegli anni Vergano (così si chiama e lo nomino per la prima volta...) era un comune autonomo e non aveva ancora una unità di collegamenti come invece è ai giorni nostri con la città di Borgomanero dopo il boom edilizio degli anni 60-70 che in pratica ha permesso la congiunzione di tutte le frazioni con il capoluogo.
Dietro la nostra collina, campeggia maestoso il Monte Rosa. La differente prospettiva nelle due immagini, è dovuta al fatto che la prima è ripresa dalla pianura dell'Agogna dove sorge Borgomanero, mentre la seconda è stata fotografata dalle colline ad oriente dove è situata l'altra frazione di Santa Cristina "dirimpettaia" di Vergano.

Lascio con nostalgia la pagina di questo post , poichè sono tanti i ricordi che mi assalgono nel guardare ed ammirare i luoghi dove è trascorsa la mia vita. Se ad un estraneo lettore rimane impressa la globalità e l'insieme delle foto, oltre le quali non può ricavare impressioni che non vadano oltre l'estetica e la bellezza del luogo, a me, ogni piccolo particolare riporta alla mente situazioni, avvenimenti, gioie, dolori, tutta la mia vita all'interno di quelle immagini.
Nei prossimi "ricordi" non potrò non fare a meno della visione di quel "paese mio che sta sulla collina".

2 commenti:

  1. In Valsolda?
    Levami una curiosità: Chub e Maurizio sono la stessa persona?

    RispondiElimina